Boardwalk Empire

Boardwalk Empire er en amerikansk dramaserie skabt af Terence Winter, der havde premiere på HBO den 19. september 2010.

Den kritikerroste serie har indtil videre vundet en Golden Globe for “Bedste Dramaserie” (2010) samt for “Bedste Skuespiller i en Dramaserie” (2010), der gik til Steve Buscemi.

Executive producers inkluderer Martin Scorsese, Mark Wahlberg, Tim van Patten og Stephen Levinson wholesale sock companies.

Boardwalk Empire er et periodisk drama, der er centreret omkring Enoch “Nucky” Thompson (baseret på politikeren Enoch L. Johnson)

Colombia 2016 Home BACCA 7 Jerseys

Colombia 2016 Home BACCA 7 Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

, en politisk figur der kontrollerede Atlantic City under den såkaldte forbudstid tilbage i 1920’erne og 1930’erne. Serien implementerer et større antal historiske karakterer, som interagerer med Thompson i hans personlige og politiske liv reusable water bottle companies. Bl top college football uniforms.a. kan nævnes Al Capone, Charles “Lucky” Luciano, Edward L. Bader og Arnold Rothstein. Thompsons illegale aktiviteter er som regel hovedfokus for seriens narrativ, hvilket bl.a. fører til flere møder med loven, gangstere og korrupte politikere.

Квинт Калидий

Квинт Калидий (лат. Quintus Calidius) — политический деятель времён Римской республики.

Происходил из плебейского рода Калидиев

Chile Away Jerseys

Chile Away Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

. Его отцом был монетарий 117 года до н. э. Марк Калидий. В 99 году до н. э. Квинт избирается народным трибуном. Во время исполнения своих полномочий он провел закон о возвращении из ссылки Квинта Цецилия Метелла Нумидийского. Двадцатью годами позже сын последнего помог Калидию получить претуру (79 год до н. э.). В 78—77 годах до н. э reusable water bottles. в качестве пропретора Квинт руководил одной из испанских провинций (неизвестно, какой именно).

В 77 году до н. э. по возвращении в Рим, Калидий был привлечен Квинтом Лоллием к суду по обвинению в вымогательстве в провинции triathlon running belt. Он был осужден, но понес не слишком строгое наказание (небольшой штраф).

В 82 году до н. э. сенат отправил Калидия к Луцию Лицинию Мурене с устным приказом воздерживаться от нападений на Понт. При этом письменного постановления у него не было, сразу после объявления сената Калидий беседовал с Муреной наедине football shirts direct, и последний войну не прекратил

Его сыном был оратор Марк Калидий.

Hans-Jürgen Pitsch

Hans-Jürgen Pitsch (* 1940) ist ein deutscher Pädagoge, Sonderschulerektor a.D sale goalkeeper gloves. und Hochschullehrer. Nach seiner Ausbildung zum Volksschullehrer und Sonderschullehrer für Lernbehinderte, Verhaltensgestörte und Geistigbehinderte war er in der Lehrerbildung tätig und übte insgesamt 22 Jahre das Amt des Schulleiters an Schulen für Geistigbehinderte aus. Außerdem übernahm er eine Beraterfunktion in Südkorea. Bis 2008 lehrte er Didaktik und Methodik des Unterrichts von geistig behinderten Schülern an der Universität Luxemburg.

Hans-Jürgen Pitschs bezieht sich in vielen seiner Arbeiten auf die Tätigkeitstheorie der Kulturhistorischen Schule der sowjetischen Psychologie meat tenderizer chemical. Schwerpunkte liegen hierbei auf der Aneignungspsychologie von Pjotr Jakowlewitsch Galperin, dem Konzept der Zone der nächsten Entwicklung nach Lew Semjonowitsch Wygotski und der Beschreibung menschlicher Entwicklung durch die Abfolge der Dominierenden Tätigkeiten nach Alexei Nikolajewitsch Leontjew. Die Tätigkeitstheorie setzt Pitsch in Beziehung zur westlichen Lern- und Entwicklungspsychologie, etwa nach Jean Piaget, Hans Aebli und Winfried Hacker syracuse football uniforms. Vor diesem Hintergrund erweitert Pitsch die Entwicklungslogische Didaktik von Georg Feuser und knüpft somit an die materialistische Behindertenpädagogik Feusers und Wolfgang Jantzens an

Los Angeles Galaxy Home ZARDES 11 Jerseys

Los Angeles Galaxy Home ZARDES 11 Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

. Auf dieser Grundlage argumentiert Pitsch für einen handlungsorientierten Unterricht im Sinne von Heinz Mühl, der ein projektorientiertes Vorgehen im Unterricht mit Kindern mit geistiger Behinderung nahelegt.

Bobs Cogill Haworth

Bobs Cogill Haworth (1900–1988) was a South African-born Canadian painter and potter. She practiced mainly in Toronto, living and working with her husband painter and teacher Peter Haworth. She co-founded the Canadian Group of Painters with Yvonne McKague Housser, Isabel McLaughlin and members of the Group of Seven sock distributors usa.

Haworth was born in Queenston, South Africa blister socks soccer. She studied at the Royal College of Art in London, England under Professor William Rothenstein, Dora Billington and Eric Gill, specializing in ceramics water proof bag. She received her degree of A.R.C.A. from the University of London, England. She immigrated to Toronto, Ontario, Canada in 1923.

Haworth lived a comfortable life in the fashionable upscale district of Rosedale in Toronto. Her and Peter’s residence was often a mecca for artists holding formal meetings and small exhibitions in their large home.

From 1913 – 1968 she worked as a painter in watercolour, oils and later in acrylic. She also used standard clay for her pottery. The majority of her works are signed “B. Cogill Haworth” or “Bobs Cogill Haworth”. Haworth preferred landscape themes and waterscape themes but also ventured practice in non-objective paintings, some on a very large scale. Most of her paintings post-1950 were created on masonite and often signed on the front and verso; often with an artist’s paper label.

In 1936 Bobs Haworth was one of the founding members of the Canadian Guild of Potters, along with Nunzia D’Angelo, Robert Montgomery. Howarth was the first honorary president.

Both Peter and Bobs Haworth made illustrations for Kingdom of the Saguenay (1936) by Marius Barbeau. The Haworths also collaborated on illustrating James Edward Le Rossignol’s The Habitant Merchant (1939).

1940 – “Self Portrait with Hat”. Coll. Corbet Collection of Canadian Women Artists.

Haworth was a regular and prolific exhibitor with such institutions as the Royal Canadian Academy of Arts (RCA), Ontario Society of Artists (OSA), Canadian Society of Painters in Water Colour (CSPWC), Canadian Group of Painters (CGP) among other formal and informal art groups and organizations.

Haworth died peacefully at her home in Toronto. At her bequest she left her entire art archives and remainder of her art works to Queen’s University.

Notes

Citations

Sources

Lektiefri skole

En lektiefri skole

United States Away WOOD 18 Jerseys

United States Away WOOD 18 Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

, er en skole hvor lektier ikke gives til eleverne som en del af skolens undervisningstilbud. I USA har Alfie Kohn gennemgået meget af den forskning der er lavet i forhold til lektier. Hans bog “The Homework Myth” baserer sig på dette buy football jerseys. I bogen gennemgåes mange årtiers forskning på dette område. Bogen gør op med de positive forestillinger der er omkring det at lave lektier. Forestillinger som at lektier skulle øge det faglige udbytte, styrke selvdisciplinen, styrke ansvarsfølelsen og evnen til at præstere for barnet holder simpelthen ikke vand.

I Danmark har Københavns Borgerrepræsentation i 2012 vedtaget at gennemføre et treårigt forsøg om at afskaffe lektier på udvalgte skoler. Det er meningen at forsøget skal køre i ni skoleklasser fordelt på fjerde, femte og sjette klassetrin .

Ligeledes i Danmark har Tønder HF siden 2008 haft en lektiefri HF linje. Resultaterne er markante: På to år er søgetallet til HF blevet fordoblet gennemførelsesfrekvensen hævet fra 70% til 88% karaktergennemsnittet steget fra 4,8 til 5,7

Dette er en liste over de lektiefri skoler og gymnasielle institutioner, der eksisterer i Danmark:

Ye (Birmanie)

Vous pouvez partager vos connaissances en l’améliorant (comment ?) selon les recommandations des projets correspondants.

Géolocalisation sur la carte : Myanmar

Ye, ou Ye Myo vintage soccer t shirts, est une ville côtière de Birmanie, située dans le sud de l’État Môn. Elle possède un port de mer et une station de chemin de fer depuis l’occupation britannique. Depuis la construction du pont de Moulmein (2005) meat tenderizer unseasoned, elle est accessible depuis Rangoon en une journée.

Ye est située sur le petit fleuve du même nom, qui se jette dans le golfe de Martaban.

La ville a toujours été riche en ressources naturelles. Les montagnes proches et la mer lui procurent un climat chaud et tempéré. Elle produit du bétel et du caoutchouc ; la pêche y est importante.

Ye est un centre pour l’apprentissage de la langue mône. Elle fut aussi un centre de travail forcé dans les années 1990, lors du prolongement de la ligne de chemin de fer vers le sud (jusqu’à Tavoy, dans la Région de Tanintharyi)

Real Madrid Club de Fútbol Away CHICHARITO 14 Jerseys

Real Madrid Club de Fútbol Away CHICHARITO 14 Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

.

Yellowhead Trail (Edmonton)

Provincial highways in Alberta

Yellowhead Trail is a major east-west highway in northern Edmonton, Alberta waterproof bags camping, Canada. The 24 best college uniforms.6-kilometre (15.3 mi) segment of Highway 16 is a key commuter route for the bedroom communities of Stony Plain, Spruce Grove, and Sherwood Park. The road is Interchanges already exist at eleven intersections throughout the city limits, but traffic is often jammed at the many intersections still using traffic lights. Edmonton has plans to upgrade Yellowhead Trail to a freeway, but is awaiting required funding from the federal and provincial governments as the project is estimated to cost $1 billion.

On December 16, 2016 both the federal government and the province of Alberta contributed $241,600,000 to the project with the city paying the rest.

     Upgrade under construction     Upgrade planned

Nakulamene

El pueblo Nakulamene es un pueblo que vive en Tanna, una isla de Vanuatu, país insular localizado en el Océano Pacífico Sur.

Los Nakulamene trabajan la tierra, teniendo un huerto por familia para que lo trabajen. Suben hasta los más alto del monte Yasur (es el volcán activo más accesible del mundo, y se localiza en la costa sudeste) para que bendigan sus campos. Cazan y sacrifican animales que crían, siempre por necesidad y lo hacen de una forma rudimentaria con palos, arcos y flechas.

La vestimenta de los Nakulamene es muy simple: tan sólo llevan un pequeñísimo taparrabos hecho de hierbas y una kotekas (Vaina para pene, llamadas Nambas en idioma Bislama) y ellas se protegen con una larga falda, también fabricada con hierbas.

La historia es contada por los ancianos de la tribu y explica cómo se creó la raza blanca y negra.
Un día una mujer de la isla de Vanuatu se encontró una serpiente la cuál se convirtió en un apuesto hombre que se casó con ella, teniendo dos hijos boot socks wholesale. Ambos eran sanos y hermosos. La envidia hizo que la gente del pueblo matara al padre. A éste se le cayeron los ojos, uno de los ojos dio lugar al nacimiento de un río y el otro al de un magnífico lago.

Uno de sus hijos cayó en el río y viajó por su curso, muy lejos así en el trasiego perdió su color negro y dio lugar a la raza blanca. Mientras que el otro hijo, que se quedó en el lago, mantuvo su color de piel… Así se explica cómo ambas razas (blanca y negra) son realmente una, pues son originarias de la misma madre y son hermanas.

Tienen la creencia de que Felipe de Edimburgo, marido de la Reina Isabel II de Inglaterra, es la presencia en el mundo del hijo de su dios official football shirts, espíritu de las montañas; que llegó para poner calma a su pueblo que, antes de la llegada de Felipe, tuvo problemas con algunos hombres blancos que intentaban cambiar sus costumbres. Actualmente muestran fotos del príncipe de Edimburgo como el hijo pálido del dios.

En 2010 el programa español Perdidos en la tribu del canal Cuatro hydration bottles for runners, seleccionó esta tribu para realizar su segunda temporada en Vanuatu.

Mount Barr Smith

Mount Barr Smith (Coordinates: ) is a striking rock peak, 1,310 m, the northernmost in a line of peaks along the west side of Denman Glacier lemon and lime squeezer. Discovered in December 1912 by members of the Western Base party of the Australasian Antarctic Expedition under Mawson, and named by him for Robert Barr Smith of Adelaide, patron of the expedition.

Fasti medicei

I Fasti medicei (o Glorie di Casa Medici) sono un ciclo di affreschi dipinti dal Volterrano tra il 1636 e il 1646 nel cortile della villa medicea della Petraia a Firenze. Dedicati alla celebrazione di Casa Medici, sono considerati il capolavoro dell’artista, e una delle opere più significative del Seicento fiorentino.

Il cortile della villa era già decorato, sui due lati non interessati da loggiati, da grottesche in cui si trovano riquadri con un ciclo di episodi della Siriade, il poema dell’Angelio sulle imprese di Goffredo da Buglione alla crociata. Tale decorazione, realizzata da Cosimo Daddi tra il 1591 e il 1594, era stata commissionata da Cristina di Lorena, che si riteneva essa stessa discendente dell’eroe.

Il ciclo dei Fasti venne poi commissionato da Don Lorenzo de’ Medici, figlio di Ferdinando I de’ Medici e Cristina di Lorena, che era entrato in possesso della villa alla morte della madre (1636). Già quell’anno affidò al giovane Baldassarre Franceschini (il Volterrano) la decorazione dei loggiati del cortile (all’epoca aperto, oggi chiuso da un lucernario fatto costruire da Vittorio Emanuele II di Savoia) dopo una tempesta violenta che aveva danneggiato una decorazione preesistente. La scelta dell’artista venticinquenne fu formulata dopo che il segretario di Cristina di Lorena, Giulio Inghirami, aveva fatto esporre a Pitti un dipinto allegorico del suo conterraneo, proprio con lo scopo di farlo conoscere e apprezzare a corte.

Inizialmente il programma decorativo delle logge prevedeva la rappresentazione di “prospettive” in modo da dilatare artificialmente lo spazio disponibile (come in quegli stessi anni Angelo Michele Colonna e Agostino Mitelli decoravano gli appartamenti estivi di Palazzo Pitti e la villa di Mezzomonte), ma, secondo il Baldinucci, fu accolto un suggerimento di Ludovico Incontri di “farvi rappresentare alcune delle più gloriose azioni de’ prìncipi di quella sua serenissima Casa”. Alla concezione del ciclo dovettero contribuire Pier Francesco Rinuccini (autore anche dei cartigli latini di corredo), Ludovico Incontri e forse anche Scipione Ammirato il Giovane.

Il contratto con l’artista dovette essere stipulato nel novembre 1636, e già dalla fine di quell’anno quindi dovettero iniziare i lavori. I pagamenti documentati si hanno infatti a fine ’36, fine ’37, nel luglio e nell’ottobre del ’39 e poi, dopo una lunga pausa in corrispondenza di un viaggio formativo nel Nord-Italia, nel gennaio del ’43, nel luglio e settembre del ’44, nel settembre del ’46 e infine nel novembre di quell’anno quando è versato il saldo finale: in tutto sono registrati 1304 ducati, un importo notevole.

La cronologia delle singole scene dovette procedere nell’ordine indicato dal Baldinucci quando elenca le scene maggiori: da Ferdinando I (dove si nota ancora un certo grafismo memore dell’esempio di Matteo Rosselli) a Cosimo I, poi Caterina de’ Medici e Leone X, a cui seguì, dopo la pausa, la loggia di Levante, con Cosimo I e Francesco, Cosimo II, Maria de’ Medici, Clemente VII e Alessandro de’ Medici, opere in cui si nota una pennellata via via più sciolta e influenzata dagli artisti visti nel Nord-Italia, come Correggio.

Nel Settecento gli affreschi vennero scialbati. Furono riscoperti nel 1874 e ripuliti da Gaetano Bianchi, perdendo però ormai molte delle rifiniture originali.

I Fasti occupano i lunettoni sotto le arcate del cortile, che si trovano solo nei lati est e ovest, tre storie per ciascun lato lungo (due grandi, che occupano due lunette, e una piccola nel sovrapporta) e una a lato per ognuno dei lati corti, per un totale di dieci.

Le scene maggiori sono organizzate su un basamento dipinto con scalette a chiocciola, putti e fontane scolpite, che si ispira all’appartamento estivo di palazzo Pitti (dove oggi si trova il Museo degli Argenti. Tale impostazione artificiosa è ancora più spregiudicata in tre degli affreschi dei lati brevi, dove ai lati delle porte si trovano ripide scalinate introflesse, popolate di personaggi e animali a grandezza naturale.

Da sinistra le scene sono:

Delle scene esiste un corposo gruppo di studi preparatori (soprattutto del GDSU a Firenze, Cabinet des Dessins del Louvre, al Fogg Art Museum, al Metropolitan Museum e nella collezione del Christ Church College di Oxford), dove i personaggi sono studiati a nudo, secondo le consuetudini delle botteghe artistiche, e poi rivestiti direttamente sull’affresco. Numerosi poi i fogli sparsi in collezioni pubbliche e private.

Le decisioni artistiche e compositive sono riferite interamente all’artista, che dovette ispirarsi innanzitutto ai recenti affreschi della Sala di Giovanni da San Giovanni in palazzo Pitti, a cui aveva partecipato, poi alle Storie di Furio Camillo di Francesco Salviati in palazzo Vecchio, ai Trionfi di Cosimo I sulla base della statua equestre di Cosimo I de’ Medici in piazza Signoria del Giambologna, ai fasti familiari dei Capponi o dei Guicciardini affrescati a fine del Cinquecento da Bernardino Poccetti nei rispettivi palazzi, e alle Storie medicee di Matteo Rosselli e altri pittori nel Casino mediceo di San Marco.

Nel 1515 Francesco I di Francia incontrò a Bologna papa Leone X per chiarire il possesso dei ducati di Parma e Piacenza.

La scena, su un lato breve interessato dalla presenza di una porta, riesce a raggiungere un respiro ampio grazie all’ardita composizione, posta alla sommità di una ripida scalinata che, dal basso, proietta lo spettatore verso la parte superiore dove si svolge l’azione. In un interno, due gruppi si contrappongono asimmetricamente: a destra il papa sull’alto trono pontificale e sotto il baldacchino, seguito in profondità da un gruppo di prelati; al centro il re di Francia Francesco I, col collare dell’Ordine di San Michele e la mantella trapuntata di gigli di Francia, dietro il quale si vede una personificazione in statua dell’Ecclesia sormontata dallo stemma Medici con le chiavi di san Pietro e la tiara; a sinistra infine il gruppo di dignitari francesi. Tra i prelati Baldinucci lodò il ritratto del cappellano di Don Lorenzo de’ Medici (il committente), Luca Citerni, una delle prime prove dell’artista come valente ritrattista.

In primo piano, sul livello inferiore della scalinata, vari personaggi stanno arrivando per assistere all’udienza. Sono vividamente caratterizzati, specialmente un giovane con la spada che intima il silenzio con un gesto eloquente e naturale a un altro personaggio. soprattutto in questi personaggi il Volterrano poté dare prova di vivace caratterista, e ricercare colori brillanti e inconsueti (secondo l’esempio di Andrea del Sarto), che erano arricchiti da rifiniture ed effetti materici oggi compromessi, come in tutte le altre scene, dalla spellatura.

In basso, sulla balaustra della scalinata, due finti bassorilievi a monocromo rappresentano scene legate al tema dei rapporti tra potere temporale a spirituale per la Casa di Francia: il Battesimo di Clodoveo da parte di san Remigio e, forse, la Donazione di re Pipino.

Dettaglio

Dettaglio

Nel 1555 Cosimo I de’ Medici conquistava Siena con l’aiuto degli Imperiali, un’impresa militare che gli valse poi il titolo di granduca, quindi un momento cruciale per la casa medicea. L’affresco discount socks free shipping, con chiari intenti celebrativi football tees for women, mostra Cosimo che, su un cocchio dorato, fa la sua entrata trionfale alla porte della città, seguito da un nutrito gruppo di dignitari, accolto dai senatori senesi e da alcuni cittadini. In alto una Vittoria alata lo incorona con la ghirlanda d’alloro.

Spicca il gruppo di personaggi increduli e sorpresi sulla collinetta delle sfondo, dove si riscontra, per la prima volta nel ciclo, una pennellata più veloce e libera, dagli incarnati luminosi, memore dell’esempio recentissimo degli affreschi di Pietro da Cortona nella Sala della Stufa a Palazzo Pitti. Il resto della scena invece ha una profondità poco accentuata e uno schema disegnativo preciso, derivato dalla lezione di Matteo Rosselli, con pose delle figure che ancora richiamano il manierismo: per queste ragioni la scena è considerata una delle prime del ciclo.

Ricca, sebbene non interamente conservata, è la varietà pittorica di tessuti e armature, come i velluti rossi dei dignitari che accolgono cosino e degli uomini in arme del suo seguito.

I bassorilievi dipinti ai lati della fontana mostrano scene di battaglia fortemente ridipinte (a tratti ex-novo) da Gaetano Bianchi nell’Ottocento.

Dettaglio

Dettaglio

Dettaglio

Dettaglio

Dettaglio

Le due scene centrali dei loggiati, dedicate alle regine di Francia di Casa Medici, mostrano uno schema di più rigida frontalità, con la regina ieratica, in trono al centro, e i figli disposti in gruppi ai lati, i cui schemi più movimentati non bastano a riscattare una certa staticità della composizione.

Caterina de’ Medici, su un trono con lo schienale drappeggiato da gigli di Francia, è vicina a sette dei suoi dieci figli (mancano quelli morti in giovanissima età): Francesco II, Carlo IX ed Enrico III, tutti re di Francia, Francesco Ercole, duca d’Alençon, e le figlie Elisabetta, regina di Spagna, Claudia, duchessa di Lorena, e Margherita, moglie di Enrico di Navarra. I ragazzi sono disposti a corona e ciascuno di loro ha i precisi attributi del suo stato regale o nobiliare (scettri, corone, gioielli e manti).

La scena in basso è conclusa da due drappi violacei, scenograficamente annodati ai lati, che fanno anche da sfondo a due erme femminili con cesti di frutta dorati in testa ai lati della porta. Il cartiglio latino, scolpito sul una tabella marmorea sull’architrave, contiene una descrizione dell’affresco.

Dettaglio

Dettaglio

La scena è ambientata a Livorno, porto mediceo e città ideala rifondata da Francesco I de’ Medici e suo fratello Ferdinando I, all’ombra del monumento dei Quattro Mori, con la statua di Ferdinando incoronata da due vittorie alate. Al centro, sullo sfondo procede il occhio di Nettuno, con Galatea e Perseo (reggente lo scudo di Medusa), a cui il dio del mare indica la statua. Essi navigano tra u n nutrito gruppo di galee dell’Ordine di Santo Stefano.

A destra, davanti a a un drappo retto retto da putti in volto e sotto una personificazione della Fama, si vedono le allegorie della Toscana (con lo scudo crociato), del Granducato (con corona, scettro e mantella con la crode dell’Ordine) e di Livorno, con lo stemma col castello.

I monocromi sul basamento sono fortemente ridipinti da Gaetano Bianchi, che in parte dovette reinventarli. Le incisioni documentano però la presenza in antico di un tiaso marino.

Dettaglio

Dettaglio

Il cocchio di Nettuno

Dettaglio

Giuliano Duca di Nemours e Lorenzo Duca d’Urbino furono i primi due personaggi di Casa Medici a ricevere un titolo nobiliare, grazie anche all’appoggio del loro parente (rispettivamente fratello per il primo e zio per il secondo) Leone X. La scena, ambientata sul Campidoglio, mostra Giuliano che passa il titolo di Capitano generale della Chiesa al nipote Lorenzo. La scenografia impostazione con la ripida scalinata è ripresa da quella della scena sul lato opposto, di Leone X, ma qui dimostra una maggiore scioltezza e un miglior dinamismo nella disposizione dei personaggi.

Sullo sfondo di un arioso cielo tinto di rosso, si vede il profilo della cupola di San Pietro (corredata però da tegole rosse che la fanno assomigliare assai alla cupola del Duomo di Firenze) e la colonna Traiana. Al centro si trova Lorenzo, col manto verde, che stringe la mano a Giuliano, riconoscibile per il collare dell’Ordine della Giarrettiera. Tra bandiere fiorentine e dello Stato pontificio, stanno ai lati due gruppi di astanti, in cui sono rappresentati amici e uomini della corte di Don Lorenzo, il committente, tra cui i buffone Tommaso Trafredi (a sinistra, riccamente abbigliato), un fanciullo che regge uno scudo con la scritta Glovis, e un uomo calvo, sulla scala di destra, che tiene al guinzaglio un cane che dovette appartenere a Don Lorenzo, amante della caccia. Si vede qui anche un paggio di colore.

Nella parte inferiore sono rappresentate scene di battaglia nei bassorilievi a monocromo, allusive alle imprese militari dei duchi.

Dettaglio

Panorama ideale di Roma

Tommaso Trafredi

Giuliano

Dettaglio

Il cane

Probabilmente l’ultima scena ad essere dipinta, è collocata sopra le porte dello scalone e di quella che era la cappellina terrena (futura camera da letto di Cosimo III de’ Medici).

Su una specie di loggiato sopraelevato, il duca Alessandro de’ Medici sta seduto in trono mentre riceve il suo titolo con gli attributi ducali dai rappresentanti della Repubblica fiorentina, nel 1531. Il ritratto del duca, il primo sovrano ufficiale di Firenze della casata, è modellato su quello di Vasari. A sinistra tre putti giocosi reggono uno stemma mediceo, mentre a destra l’artista rappresentò, come di consueto, un gruppo di gentiluomini suoi amici. Tra questi, ci informa il Baldinucci, si trova l’autoritratto stesso dell’artista, vestito di verde e guardante verso lo spettatore.

Stemma mediceo tra putti

Autoritratto

Sullo sfondo di piazza dei Cavalieri a Pisa, riprodotta con una cura degna di un vedutista, Cosimo II, ancora erede al trono riceve sul sagrato della chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri i nobili toscani impegnati in una vittoriosa spedizione nella battaglia di Bona, in Tunisia, combattuta tra Genovesi e Turchi il 16 settembre del 1608. Tra i presenti ci sono Silvio Piccolomini, l’ammiraglio Jacopo Inghirami, il marchese Filippo Colloredo e altri cavalieri, scalati in profondità. In primo piano si vedono i prigionieri, che vengono fatti avanzare davanti al bottino di guerra. Gli schiavi incatenati e a torso nudo hanno la loro controparte nei prigionieri vestiti e col turbante vicino al principe. Analoga contrapposizione si legge anche tra le figure che aprono e chiudono la scena, all’estremità, in un elegante contrapposto di fronte e di spalle. Tra questi, quello di destra mostra un giovane che regge un vaso con decoro sbalzato, vicino a una figura femminile seduta sugli scalini, a cui si richiama la giovane madre in piedi che tiene il figlioletto nudo al grembo, sul lato opposto. Molti curiosi affollano la scena, tra cui alcuni che si arrampicano sulla facciata della chiesa, rielaborando un popolare motivo raffaellesco delle Stanze Vaticane.

La scena mostra una pennellata morbida e solare, memore dello studio delle opere di Correggio viste nel recente viaggio formativo nel Nord-Italia.

Dettaglio

Dettaglio

Dettaglio

Dettaglio

Dettaglio

Rispetto alla lunetta opposta, di Caterina de’ Medici, quella di Maria de’ Medici coi figli (Luigi XIII, Don Gastone, il principino Nicola, Enrichetta Maria regina d’Inghilterra e Maria Cristina duchessa di Savoia, col cagnolino) si differenzia per un’impostazione più ariosa e sciolta, scevra dalla rigidità dell’altra scena spring water in glass bottles. Nell’ambientazione, che è stata definita neo-veronesiana, i personaggi sono disposti con pose oblique e naturali entro uno spazio monumentale, una loggia aperta verso l’esterno. Gli sguardi, ora penetranti, ora ammiccanti, mostrano l’assorbimento della lezione di Van Dyck, visto nelle opere lasciate a Genova.

Dettaglio

Ambientata nel Salone dei Cinquecento in palazzo Vecchio (descritto con minuzia), la scena mostra Cosimo I che, defilato, protende a suo figlio Francesco in trono la nomina che lo associa al governo. Francesco riceve quindi l’omaggio dei senatori fiorentini, tra una variegata folla di astanti. Sulla parete si vedono la tartaruga del Festina lente, emblema di Cosimo e, anacronisticamente, il rinoceronte, che sarà l’emblema dell’altro figlio di Cosimo, Ferdinando I. Le statue della Pace e dell’Abbondanza, ai lati del trono, rappresentano un buon auspicio sul nuovo governo, vicino a funzionari di corte che versano sacchi di monete in un forziere. A sinistra si vede in primo piano un guerriero, seduto con espressione trasognata su un tamburo da guerra sfondato, perché non dovrà più suonare.

Dettaglio

Dettaglio

Festina lente

Dettaglio

Lo schema compositivo è analogo a quello della lunetta di Leone X, e mostra l’incoronazione di Carlo V da parte di papa Clemente VII avvenuta a Bologna nel 1530.

Gli astanti, tra cui si riconoscono i cardinali Ippolito de’ Medici e Niccolò Ridolfi, sono disposti su più livelli, con un’impostazione scenografica verticale che amplifica la profondità spaziale, nonostante lo spazio ristretto dalla presenza della porta. Se le figure dei protagonisti sono pressoché illeggibili, migliore è la conservazione dei personaggi nella parte inferiore, che spiccano per le pose disinvolte. Tra questi Baldinucci ricordò il soldato tedesco della guardia imperiale, che scaccia alcuni che desiderano avvicinarsi troppo, e il trombettiere che si arrampica sulla balaustra, con una gamba che penzola verso l’osservatore.

Dettaglio

Dettaglio

Dettaglio

Altri progetti