Tag Archives: dry pak

Azienda (diritto italiano)

L’azienda, in diritto italiano, individua il complesso dei beni organizzati dall’imprenditore per l’esercizio di attività di impresa.

La definizione legislativa di azienda è data dall’art. 2555 del codice civile italiano:

Non ne è richiesto formale titolarità ex lege da parte dell’imprenditore, o il possesso di tutti i beni di cui essa sia composta, ma il suo titolo deve comunque derivare da un diritto reale o un diritto personale.

I principali segni distintivi dell’imprenditore sono la ditta, l’insegna e il marchio. A questi si è aggiunto di recente il nome aziendale a dominio , che individua il sito internet dell’azienda. La disciplina del marchio è dettata dagli artt. 2569-2574 e dal codice della proprietà industriale. Da essa è possibile desumere alcuni principi comuni applicabili per analogia agli altri simboli di identificazione.

In generale, l’imprenditore gode di ampia libertà nella formazione dei segni distintivi; è tenuto a rispettare i requisiti di verità, novità e capacità distintiva. L’imprenditore ha diritto all’uso esclusivo dei propri segni; si tratta di un diritto non assoluto, ma relativo e strumentale alla distinzione rispetto agli imprenditori concorrenti. L’imprenditore può trasferire ad altri i propri segni distintivi; non è un diritto incondizionato, viste le norme a tutela dei consumatori.

L’avviamento d’azienda rappresenta la valutazione economica del capitale umano dell’azienda che unito alla sua fase produttiva permettono di creare ricchezza tramite la produzione o di un bene o di un servizio ovvero la capacità di una azienda di fare profitto o utile, di attrarre clientela.

Infatti, beni materiali e immateriali che costituiscono l’azienda possiedono un valore economico superiore a quello materiale – costituito dalla somma del valore dei singoli beni – grazie alla capacità di produrre nuova ricchezza: questo valore ulteriore dell’azienda è denominato avviamento.

A tal proposito distinguiamo avviamento soggettivo da quello oggettivo e da quello misto:

L’art. 2557 c.c. fissa a carico dell’alienante ed a favore dell’acquirente dell’azienda il divieto di iniziare una nuova impresa con caratteristiche tali – per l’oggetto, l’ubicazione o altre circostanze – da poter sviare la clientela dell’azienda ceduta. Il divieto, diretto a tutelare l’avviamento dell’azienda ceduta, ha una durata di cinque anni dal trasferimento ed è disponibile dalle parti, le quali possono:

Il riferimento all’oggetto della nuova impresa va inteso in senso molto ampio, comprensivo della produzione e dello scambio, sia degli stessi beni o servizi ceduti, sia di beni e servizi succedanei.
Il divieto di concorrenza opera anche nelle aziende agricole, ma solo per le attività connesse e se rispetto a queste sia possibile uno sviamento di clientela.

L’art. 2558 prevede che, in mancanza di una diversa pattuizione, al trasferimento dell’azienda si accompagna la successione dell’acquirente nei contratti, non ancora eseguiti o in corso di esecuzione, stipulati per l’esercizio dell’azienda stessa. La deroga alla disciplina generale in materia di cessione del contratto di cui all’art. 1406 c.c., che richiede per la cessione il consenso del contraente ceduto, trova un correttivo nella possibilità, riconosciuta a quest’ultimo, di esercitare il diritto di recesso dal contratto entro 3 mesi dalla notizia del trasferimento laddove risulti una giusta causa dry pak, che può consistere in carenze nelle qualità personali o nella scarsa consistenza del patrimonio extra aziendale dell’acquirente rispetto a quello dell’alienante.
Il recesso comporta solo il mancato trasferimento del contratto all’acquirente e la sua permanenza in capo all’alienante, ma non il suo scioglimento. Restano altresì in capo all’alienante i contratti aventi carattere personale, che l’art. 2258 c.c. esclude espressamente dalla successione.

Nel contratto di consorzio l’acquirente dell’azienda subentra a qualsiasi titolo; tuttavia, se il trasferimento è inter vivos e sussiste una giusta causa, gli altri consorziati possono deliberare l’esclusione dell’acquirente entro un mese dalla notizia del trasferimento (art. 2610 c.c.).

Il contratto di edizione circola con l’azienda, salvo che vi sia pregiudizio alla reputazione o alla diffusione dell’opera (art. 132 della legge sul diritto d’autore).

L’art. 2559 c.c. disciplina l’opponibilità ai terzi della cessione mediante pubblicità attuata con l’iscrizione nel registro delle imprese: se l’impresa è soggetta a registrazione, l’acquirente succede nei crediti relativi all’azienda ceduta e la cessione ha effetto nei confronti dei terzi dalla data dell’iscrizione, senza bisogno di notifica o accettazione dei debitori ceduti.

Tuttavia, il debitore ceduto che paga in buona fede all’alienante è comunque liberato.

A norma dell’art. 2560 c.c., l’alienante non è liberato dai debiti preesistenti al trasferimento se non risulta che i creditori vi abbiano consentito. Se viene ceduta un’azienda commerciale l’acquirente risponde in solido con l’alienante solo se i debiti risultano dai libri contabili obbligatori.

Una disciplina particolare è dettata per il contratto di lavoro a tutela del lavoratore. In caso di trasferimento di azienda, il rapporto di lavoro continua con l’acquirente ed il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano (art. 2112 c jogging water bottle belt.c.). Alienante e acquirente sono obbligati in solido per tutti i crediti inerenti al rapporto di lavoro vantati dal lavoratore al tempo del trasferimento, anche se non risultano dalle scritture contabili; il lavoratore può consentire la liberazione dell’alienante solo mediante le procedure di conciliazione obbligatoria di cui agli artt. 410 e 411 c.p.c. Il trasferimento di azienda non costituisce di per sé motivo di licenziamento, ma resta ferma la facoltà dell’alienante di esercitare il diritto di recesso ai sensi della normativa in materia di licenziamenti.

L’azienda può essere oggetto anche di usufrutto ed affitto, in questo caso l’affittuario e l’usufruttuario acquistano qualità di imprenditore, hanno l’obbligo di gestire l’azienda sotto la ditta che la contraddistingue, senza modificarne la destinazione o intaccarne l’avviamento, conservando l’efficienza dell’organizzazione e degli impianti (senza obbligo di altri investimenti) nonché le normali dotazioni di scorte atte a garantire la possibilità di far fronte alle domande del mercato.
L’inosservanza di tali obblighi o la cessazione arbitraria della gestione determina l’estinzione dell’usufrutto o la risoluzione dell’affitto. In questo modo si vuole precludere un cambiamento qualitativo nell’azienda.

Si applicano all’usufrutto e/o all’affitto le norme sul trasferimento di azienda a titolo definitivo relative:

Il legislatore nulla dispone sulla successione nei debiti dell’azienda ceduta in usufrutto o in affitto, onde si ritiene che salvo diversa pattuizione l’usufruttuario o l’affittuario non sono gravati dei debiti, anche se risultanti dalle scritture contabili obbligatorie.

L’art. 2561, ultimo comma, c.c. (applicabile anche all’affitto) stabilisce che

Se dunque l’usufruttuario o l’affittuario hanno accresciuto il valore dell’azienda hanno diritto al conguaglio, altrimenti essi dovranno darlo al proprietario o al locatore.

La disciplina della circolazione dell’azienda fa riferimento alla possibilità del trasferimento, cessione, acquisito, conferimento in società, donazione della stessa.

Anche se il codice civile italiano fa riferimento al trasferimento dell’azienda nel sua interezza (art. 2112 c.c.), nulla vieta che esso possa riguardare anche solo una parte della stessa (ad esempio in caso di trasferimento del cosiddetto ramo di azienda), purché il ramo sia funzionale e capace, da solo o in un nuovo complesso aziendale, di produrre beni o servizi. La cessione può riguardare anche singoli beni aziendali; in questo caso, affinché si possa configurare come cessione di ramo d’azienda, è sufficiente che la cessione medesima abbia ad oggetto “una entità economica autonoma e organizzata in maniera stabile, la quale, in occasione del trasferimento, conservi la sua identità, senza che sia necessaria anche la completezza materiale e l’autosufficienza del gruppo” (sentenza della Corte di Cassazione n. 5932 del 5 marzo 2008).

Il problema, di grande rilevanza pratica, della distinzione delle fattispecie di trasferimento di azienda rispetto ad altre fattispecie (es. cessione del solo contratto di locazione commerciale: art. 36 legge n. 392/1978) deve essere risolto in base ad un criterio oggettivo thermal bottle, nel senso che per aversi trasferimento d’azienda non è necessario che si attribuisca all’acquirente la disponibilità di tutti i beni aziendali, purché si attribuisca la disponibilità di tutti quei beni essenziali per la realizzazione del programma aziendale originario, idonei a mantenere inalterata la natura e la qualità dei beni e servizi offerti sul mercato.
Laddove non diversamente dichiarato, il trasferimento abbraccia tutti i beni aziendali in virtù dei principi di funzionalità e relatività.

L’art. 2556 c.c. disciplina la forma del trasferimento di azienda, dettando tre diverse regole sulla forma riguardanti tre profili differenti:

Craig Bryson

Craig Bryson (Rutherglen, 6 november 1986) is een Schotse voetballer (middenvelder) die sinds 2011 voor de Engelse tweedeklasser Derby County FC uitkomt. Voordien speelde hij onder andere voor Clyde FC en Kilmarnock FC.

Bryson tekende een profcontract bij Clyde FC aan het begin van het seizoen 2003-04. Hij kwam dat seizoen niet aan spelen toe en werd verhuurd aan EK Thistle. Het volgende seizoen maakte hij zijn debuut voor Clyde. Bryson speelde een uitstekend seizoen en dit werd beloond met de prijs voor beste jongere bij Clyde.

In het seizoen 2005-06 scoorde Bryson tegen beide ploegen van The Old Firm. Hij scoorde gelijkmaker in de met 5-2 verloren wedstrijd tegen Rangers FC en scoorde de openingsgoal in de legendarische bekerwedstrijd tegen Celtic FC die met 2-1 werd gewonnen. Op het einde van het seizoen 2006-07 verliet Bryson de club, nadat hij 111 wedstrijden speelde en twaalf goals scoorde. Hij werd beschouwd als Clydes beste jeugdproduct sinds de club haar thuisbasis heeft gelegd in het Broadwood Stadion.

In juli 2007 tekende Bryson bij Kilmarnock FC. Hij scoorde zijn eerste goal in een met 3-1 gewonnen wedstrijd tegen Aberdeen FC. In 2008 werd hij een belangrijke speler voor het team en zijn goede prestaties werden in december 2008 beloond met een contractverlenging

Brazil Away R.CARLOS 6 Jerseys

Brazil Away R.CARLOS 6 Jerseys

BUY NOW

$266.58
$31.99

. Zijn contract bij Kilmarnock loopt nu tot de zomer van 2013.

Op 4 juni 2011 werd bevestigd dat Bryson Kilmarnock zou verlaten voor de Engelse tweedeklasser Derby County FC. Hij tekende een contract op 9 juni 2011 en er zou een transferbedrag van £350.000 tot £450.000 betaald zijn. Bryson maakte een sterke indruk bij het begin van het seizoen 2011-2012, ondanks zijn voorbereiding gestoord werd door een blessure. Derby County won de eerste vier wedstrijden van het seizoen, dit was de beste seizoenstart voor de club in 106 jaar.

Op 16 november 2010 maakte hij zijn debuut voor de Schotse nationale ploeg in een wedstrijd tegen de Faeröer.

1 Carson&nbsp how to tenderize already cooked beef;· 2 Christie · 3 Forsyth · Bryson · 5 Shackell · 6 Keogh · 7 Russell · 10 Ince · 11 Bent · 12 Baird  · 15 Johnson · 16 Pearce · 18 Butterfield · 19 Hughes · 20 Camara · 21 Anya · 22 Blackman · 23 Vydra · 25 Lowe · 26 Hanson · 28 Nugent · 29 Olsson · 30 Elšnik · 31 Rawson · 32 Weale · 34 Thorne · 35 Mitchell · Coach: McClaren

Arcidiocesi di Florianópolis

L’arcidiocesi di Florianópolis (in latino: Archidioecesis Florianopolitana) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Sul 4. Nel 2013 contava 1 childrens replica football kits.201.000 battezzati su 1.535.000 abitanti. È attualmente retta dall’arcivescovo Wilson Tadeu Jönck, S.C.I.

L’arcidiocesi comprende trenta comuni dello stato brasiliano di Santa Catarina: Florianópolis, Angelina, Anitápolis, Antônio Carlos, Balneário Camboriú, Biguaçu, Botuverá reusable water bottle brands, Brusque, Camboriú, Canelinha, Garopaba, Governador Celso Ramos, Guabiruba, Itajaí, Itapema, Leoberto Leal, Major Gercino, Nova Trento, Palhoça, Paulo Lopes, Porto Belo, Santo Amaro da Imperatriz, São Bonifácio, São João Batista, São José, São Pedro de Alcântara e Tijucas.

Sede arcivescovile è la città di Florianópolis, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora della Fuga in Egitto (Nossa Senhora do Desterro).

Il territorio è suddiviso in 69 parrocchie dry pak.

La diocesi di Santa Caterina fu eretta il 19 marzo 1908 con la bolla Quum Sanctissimus Dominus Noster di papa Pio X, ricavandone il territorio dalla diocesi di Curitiba (oggi arcidiocesi). Originariamente era suffraganea dell’arcidiocesi di Rio de Janeiro.

Il 15 agosto 1910 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell’arcidiocesi di Porto Alegre.

Il 17 gennaio 1927 ha ceduto porzioni del suo territorio a vantaggio dell’erezione delle diocesi di Lages e di Joinville e nel contempo è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana e ha assunto il nome attuale in forza della bolla Inter praecipuas di papa Pio XI.

Il 28 dicembre 1954, il 23 novembre 1968 e il 19 aprile 2000 ha ceduto altre porzioni di territorio a vantaggio dell’erezione rispettivamente delle diocesi di Tubarão, di Rio do Sul e di Blumenau.

L’arcidiocesi al termine dell’anno 2013 su una popolazione di 1.535.000 persone contava 1.201.000 battezzati, corrispondenti al 78,2% del totale.

Altri progetti


Oleguer Presas

* Senior club appearances and goals counted for the domestic league only.

Oleguer Presas Renom (born 2 February 1980), known simply as Oleguer, is a Spanish retired footballer. Primarily a central defender, he could also operate as a defensive right back.

During his career he was mostly associated to Barcelona, with which he won two La Liga championships and the 2006 Champions League, appearing in 175 official games.

Oleguer signed for Ajax in 2008, where he remained until his retirement. He was also known for his politics: he supported left-wing causes and Catalan nationalism, which caused some controversy and led to one sponsor dropping him.

Born in Sabadell, Barcelona, Catalonia, Oleguer started his career at modest CD Lepanto, a club from his hometown. In 1997 he joined neighbours UDA Gramenet from CE Sant Gabriel, making his senior debut two years later whilst at the service of the former.

At 21, Oleguer signed with FC Barcelona, spending his debut season with the B-side. He would make his first-team debut during a 2002–03 UEFA Champions League match against Galatasaray SK, a 3–1 home triumph where he came on as a late substitute for Frank de Boer. During that season he played for both teams goalkeeper gloves sale, on occasion being a last-minute addition to the main squad.

On 17 May 2006, Barça beat Arsenal to win the Champions League for the second time in its history. Oleguer was in the starting eleven, but on the day he appeared tense and slow, struggling to neutralize Freddie Ljungberg’s runs down the wing and more importantly not being able to stop Sol Campbell scoring the opening goal. In the 71st minute he was substituted in favour of Juliano Belletti by manager Frank Rijkaard, and the Brazilian went on to score the decider with less than ten minutes to go.

Oleguer signed a contract extension in July 2006, keeping him with the club until 2010. He had the honor of captaining the team for the first time in their initial pre-season game of the 2006–07 campaign, in recognition of his work over the last few seasons. With the arrival of Gianluca Zambrotta and Lilian Thuram, he found himself coming on from the bench in the first few matches of the season; on 29 November 2006, he was awarded the President Companys award for his efforts in promoting the official recognition of Catalan sports at an international level.

2007–08 started positively in sporting terms, as Oleguer became a fixture in Rijkaard’s starting eleven. However, he was accused of assaulting a policeman during an incident in a bar in Sabadell which occurred in 2003. He also spoke out against the banning of the Catalan national team by the Royal Spanish Football Federation, when the former played a friendly against the United States in conjunction with FIFA-recognized international matches in that same week.

On 9 February 2008, in a La Liga match against Sevilla FC, Oleguer broke a bone in his left hand. He was operated on but he spent six weeks on the sidelines, and he took almost no part in the team’s campaign overall; Barcelona finished third, and his only competitive goal took place on 24 April 2005 when he opened a 4–0 league success at Málaga CF.

On 29 July 2008, Oleguer signed a three-season deal with AFC Ajax, which paid €3 million plus 2.25 million in variables, including an option for another year. Manager Marco van Basten said: “I am happy that we have acquired Oleguer. His qualities fit exactly with what Ajax needs. We are all convinced of that. He has the right age, experience at a high level and is a real defender”.

On 18 October 2008, Oleguer scored a rare goal, the game’s only in a home win over FC Groningen. He had an extended run during his first season due to injuries to teammates, but played mostly as backup to Belgian youngsters Toby Alderweireld and Jan Vertonghen.

After only appearing in seven official games for the Amsterdam team in 2010–11, 31-year-old Oleguer was released by Ajax goalie jerseys soccer.

Oleguer majored in economics from the Autonomous University of Barcelona. On 30 March 2006 he published his first book with recollections on his youth, early career and the league triumph of 2004–05 (and the subsequent street parade through the Avinguda Diagonal in Barcelona). The book, called Camí d’Itaca (The Road to Ithaca), dealt with such varied subjects as childhood anorexia, the antifascist struggle and the previous Spanish government’s involvement in both Gulf Wars.

Though injured just before the end of the 2005–06 season in a Champions League match and forced to miss the league-winning match against Celta de Vigo, Oleguer was able to return to the pitch to play in the next match at the Camp Nou when the trophy was presented to the team. True to form, he celebrated wrapped in the colors of the senyera estelada, the Catalan independence flag.

Oleguer had sympathies with left wing and Catalan nationalist causes, and was asked by Subcomandante Marcos of the Zapatista Army of National Liberation to play a charity match in Chiapas, Mexico, during the summer of 2005. Later that year, he was invited to take part in a meeting of shortlisted players for the Spanish national squad, an invitation that he accepted only to tell manager Luis Aragonés he did not feel motivated enough to be selected.

On 7 February 2007, in an article written for Basque language newspaper Berria, Oleguer questioned the validity and independence of legal and judicial processes in the Spanish state, using the example of convicted ETA member Iñaki de Juana and his hunger strike to question those processes. His decision to write the article brought veiled criticism at Barcelona, both from coach Rijkaard and President Joan Laporta, as well as earning him disrespectful remarks from fellow professional Salva Ballesta.

As a direct result of the article, Oleguer lost his boot sponsorship with sports firm Kelme, and he subsequently signed for Diadora. He also became the subject of a strong public backlash among some elements in Spain, and was regularly heckled and booed in some of the country’s football stadiums due to the article and his pro-Catalan independence stance. When asked about whether he felt that he should not have written the piece, he replied, “The consequences I suffer are nothing compared to what many people go through. What did sadden me, though, was that most people didn’t actually read the piece. If people engaged in dialogue with intelligence and still disagreed, then fine, but they didn’t” toothpaste dispenser as seen on tv.

In 2010, Oleguer appeared at a protest in Amsterdam against the Dutch ban on squatting. His club Ajax had no problems with his presence, because he only participated in the peaceful sections of the protest dry pak.